In tantissimi ormai sentono parlare del Trading Online, sopratutto perché in Italia sempre più persone si interessano al mondo del web e i metodi di guadagno che offre. Per questo fanno fatica anche a distinguere le truffe, tuffandosi nelle mani del primo oracolo che gli promette i fantomatici “guadagni passivi”.  

MA LE COSE STANNO REALMENTE COSI? PARTIAMO DALLE BASI :

Il termine Trading( conosciuto anche con l’acronimo TOL) deriva dal verbo inglese “to trade” ovvero“commerciare”, il trader altro non è infatti che un commerciante come tanti altri, solo con la differenza che effettua il suo lavoro su strumenti finanziari.

L’obiettivo quindi di chi pratica il Trading Online è guadagnare dalle differenze di prezzo di uno strumento finanziario in acquisto o in vendita.

A partire dagli anni 90 il fenomeno è cresciuto a vista d’occhio grazie all’online che ha reso possibile svolgere questo lavoro da qualsiasi computer o smartphone avente una connessione ad internet e chiunque può aprire un conto su un broker finanziario.

COS’È IL BROKER?

Come abbiamo detto il Trading Online non è altro che la compravendita di strumenti finanziari e viene effettuata attraverso delle piattaforme che i broker forniscono per l’accesso ai mercati.

Le operazioni sono inviate immediatamente al broker che farà da intermediario. Esistono diversi tipi di broker e diverse tipologie di regolamentazioni da osservare prima di iniziare,le vedremo insieme nei prossimi articoli dove approfondiremo il discorso chiarendo anche l’utilizzo della leva finanziaria, strumento che tutti i trader principianti conoscono ma che ancora la maggior parte non ha compreso.

Non vorresti finire nelle mani di questo broker vero? ps. se non hai visto il film, non continuare a leggere!

Iscriviti alla newsletter se vuoi ricevere i prossimi articoli e scoprire come evitarlo :

SU QUALI STRUMENTI FINANZIARI POSSO FARE COMPRAVENDITA ?

Il Trader ha l’imbarazzo della scelta , il mercato infatti si divide in moltissimi settori ! Eccone alcuni che dovresti conoscere :

  • Azioni( Singole parti unitarie in cui è diviso il capitale della società per azioni. Il titolare quindi possiede un “pezzetto” della società ).
  • Obbligazioni( Titolo di credito che rappresenta una parte di debito acceso da una società o da un ente pubblico. In sintesi comprando l’obbligazione si acquista una parte del debito della società o ente che l’ha emesso ).
  • Derivati( Sono strumenti che derivano il proprio valore da altri asset, che possono essere materie prime, azioni, titoli di debito pubblico e cosi via ).
  • Forex( Il mercato dello scambio di valuta estera è di gran lunga il più grosso mercato nel mondo in termini di valore delle transazioni ).

Ognuno di esso ha caratteristiche diverse ( esempio : possono cambiare gli orari di apertura e chiusura dello strumento ) e una soglia di entrata diversa, questo rende quindi uno strumento più accessibile a un determinato tipo di investitori piuttosto che altri. In questo blog tratteremo il mercato del Forex, ovvero il“foreign exchange” ( scambio di valuta estera ).

Oltre che dividersi in categorie date dallo strumento, il Trading si divide anche in diversi stili che utilizzano di conseguenza diversi archi temporali e accorgimenti diversi. Vedremo quanti e quali stili di trading esistono e come si adattano a diverse tipologie di investitorenei prossimi articoli.

IL TRADING ONLINE È FACILE?

Noi di FutureTraders amiamo questo detto ”il Trading è il modo più difficile per fare soldi facili” ed effettivamente è proprio cosi. A chi non piacerebbe vedere il proprio capitale crescere, seduto comodamente da casa o in spiaggia sorseggiando mojito ? Il problema è che la maggior parte delle persone che si affaccia a questo mondo pensa che tutto ciò si avvera in poche settimane di pratica, quando invece non è cosi!

Come qualsiasi altra professione, come un medico o un avvocato, anche quella del trader richiede uno studio approfondito presso i giusti mentori o da autodidatta. Padroneggiare il mestiere del trader può anche richiedere anni e sicuramente ore e ore di studio dei grafici, per questo è preferibile affidarsi a un esperto e iniziare con qualcuno che sappia consigliare la giusta strada da intraprendere.

Quello che il principiante infatti non sa è che il trading può diventare una fonte di guadagno solo dopo aver appreso diverse qualità come l’autodisciplina, la gestione del rischio e delle emozioni, e infine anche un oculata gestione delle proprie finanze.Per questo le statistiche sono a sfavore del trader principiante ( anche detto in gergo tecnico ” retail ” ), queste qualità appena elencate non sono alla portata di tutti o meglio : non lo sono SUBITO.

Al prossimo articolo aspirante Trader! Il primo passo è proprio davanti a te : Iscriviti alla nostra newsletter e inizia a ricevere i nostri articoli formativi.